Il Design in un Luxury Hotel di Roma

novembre 5, 2016 Nessun commento

 

Alcuni mesi fa lo Studio Frezza ha partecipato ad un concorso per il restauro e il design di un importante Hotel di Lusso Romano.

Questa esperienza ha rappresentato un grande momento di crescita che desidero condividere con voi benché la nostra proposta non sia stata selezionata.

 

Tra le immagini che seguono alcuni render e le Material board appartenenti alle declinazioni Decò delle due soluzioni cromatiche proposte.

 

Il processo creativo è stato entusiasmante ed ha considerato:

– Il riconoscimento, il recupero e il potenziamento dei caratteri storici dell’edifico

– L’integrazione delle preesistenze limitrofe e del paesaggio circostante

– Lo sviluppo del “carattere” e del design degli ambienti.

– La definizione dei materiali, dei colori e delle texture.

BLACK

 

La Roma antica e i primi del ‘900 ritornano attraverso l’utilizzo dei marmi che qui sono resi più caldi e familiari dall’accostamento ai velluti degli imbottiti, e ai legni delle librerie e del parquet.

Il mio approccio progettuale investiga sempre il Genius Loci e cerca di ripristinare gli elementi architettonici tipici del luogo.

Uno degli esempi di cui vado più orgogliosa è Il Capri Palace, di seguito il link per un rapido sguardo.

 

Link al Progetto del Capri Palace Hotel

 

Blu

 

L’ottone si lega ai riflessi dei tessuti ocra illuminando gli ambienti di contemporaneità.

 

Sviluppare un progetto che consideri l’intera struttura di un edificio comporta la conoscenza di ogni suo dettaglio.

Quando studio in questo modo un palazzo storico emerge in me la consapevolezza del design e della sua immagine Futura.

Un’immagine che non si distoglie dal passato ma come sempre si protende verso il futuro.

 

RECEPTION GRIGIO

 

La Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, G.N.A.M., è stata uno dei riferimenti che mi hanno accompagnato e sostenuto durante la fase concettuale.

Pochi giorni fa salivo la sua imponente scalinata.

Gli ambienti interni sono stati rinnovati, il bianco ,nella sala principale, domina nuovamente le mura e l’antico parquet si impone accogliente.

Pochi gli arredi, solitari e sofisticati. Emozionante è riscoprire la dimenticata e bellissima corte alberata.

 

Link al Sito della Galleria Nazionale

 

 

Author: Fabrizia Frezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *